Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘zingari’

Dal sito www.dialoghi.net riportiamo un articolo di Mons. Sigalini, Vescovo della diocesi di Palestrina e Assistente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana.

Il pontificio Consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti ha tenuto dal 1 al 4 settembre in Germania a Freising, nelle vicinanze di Monaco di Baviera, il sesto congresso mondiale per la pastorale degli zingari sul tema: i giovani zingari nella chiesa e nella società. Erano presenti 26 nazioni di tutti i continenti.

Io ero presente perché invitato a delineare le caratteristiche dei giovani rom e sinti, attraverso la conduzione di una tavola rotonda, vivacizzata dalle esperienze raccontate da giovani zingari. Era nutrita la delegazione italiana fatta dai responsabili nazionali e da alcuni operatori pastorali sia zingari che gagè. Ne è emerso un quadro molto interessante della vita dei giovani zingari. La consapevolezza di essere un popolo e non un ammasso di illegalità, di voler offrire alla società le proprie caratteristiche, la necessità di essere messi in condizione di vivere onestamente, di non essere discriminati ma riconosciuti come una minoranza con diritti e doveri, la possibilità di partecipare all’istruzione, senza scuole speciali che ghettizzano, poter trovarsi un lavoro… sono tra le aspirazioni più normali di questi giovani, che hanno gli stessi ideali e difficoltà di tutti i giovani, gli stessi sogni e le stesse difficoltà di dialogo con il mondo adulto.

La comunità cristiana è chiamata a fare un salto di qualità nei loro confronti, ad annunciare senza mezzi termini e formalismi che sono figli di Dio amati e stimati, che sono chiamati alla santità e a tutte le vocazioni che la vita cristiana esprime. Erano presenti giovani suore, preti, frati sinti e rom, fieri di appartenere a una etnia sopravvissuta a tante ingiustizie e pulizie etniche e campagne denigratorie, di sentirsi chiamati da Dio a far conoscere il suo amore a tutti anche entro il disprezzo dei benpensanti. Alcune nazioni hanno trovato una modalità di convivenza onesta, in Italia abbiamo ancora molto da fare sia come comunità cristiana che civile nell’aiutare un cambio di mentalità, nel favorire un dialogo responsabile e costruttivo tra tutti.

vota:

Read Full Post »